6 rimedi naturali contro la carenza di ferro

Ferro basso? Biosa vi ha raggruppato i  6 rimedi naturali migliori per aiutarvi a restare in forma…

Oggi il calderone ancora è spento. A causa di una brutta fiacchezza, ancora dobbiamo accendere il fuoco e “pescare” il primo elemento della settimana. Probabilmente tutta questa stanchezza sarà dovuta alla carenza di ferro che affligge una delle due.

Già,un streghetta un po’ troppo stanca si aggirava tra le mura della nostra “magica bottega” e così è andata dal dottore per farsi controllare. Perchè ricordatevi…. È sempre bene farsi controllare da un medico! Infatti, le analisi del sangue le hanno rivelato una carenza di ferro. Ma a cosa serve questo elemento di cui sentiamo spesso palare?

La funzione principale del ferro è la produzione dell’emoglobina, la proteina presente nei globuli rossi che trasporta l’ossigeno ai tessuti, e della mioglobina, un’altra proteina che porta l’ossigeno nei muscoli. Inoltre è fondamentale per il buon funzionamento di altri enzimi e proteine.

Circa il 70% del ferro presente nel corpo si trova nell’emoglobina; il 10% si trova nella mioglobina; il 20% forma una riserva (la ferritina) che si attiva ogni volta che vi è un improvviso aumento del fabbisogno di ferro, per esempio in seguito ad un’emorragia, quando si devono produrre nuovi globuli rossi.

Poiché il nostro copro assorbe solo il 10% del ferro ingerito, è bene assumerne almeno10 mg al giorno per gli uomini e 15 mg al giorno per donne in età fertile.

Sintomi della carenza di ferro

La carenza di ferro si manifesta con stanchezza, facile affaticamento, correnti mal di testa, difficoltà respiratorie, pallore, problemi digestivi, battito cardiaco accelerato, maggiore suscettibilità alle infezioni, sensazione di freddo a livello delle mani e dei piedi e, se è notevole e protratta,  diventa anemia.

Altri sintomi comuni sono: bruciori alla lingua, ragadi agli angoli della bocca e delle unghie, mentre i capelli ne risentono diventando secchi e fragili.

È facile riscontare carenze nelle donne che hanno un mestruo particolarmente abbondante e in quelle in gravidanza o che hanno partorito di recente.

Biosa ha raccolto per voi 6 consigli per aiutarvi con la carenza di ferro:

  1. Alimentazione adeguata

Gli alimenti maggiormente ricchi di ferro sono il fegato e le interiora in genere, i legumi, le carni rosse, la frutta secca e le verdure a foglia verde come: spinaci, broccoli e cavoli.

La capacità del nostro corpo di assorbire il ferro alimentare varia da cibo a cibo: è massima per interiora e carni rosse, e minima per i vegetali a foglia verde.

L’assorbimento dell’elemento è facilitato dal fruttosio, dalla vitamina C e dall’acido citrico: per questo si raccomanda di condire le verdure con il limone.

Sarebbe anche opportuno incrementare l’apporto di tale vitamina attraverso il consumo giornaliero di spremute fresche di agrumi.

  1. Eliminare te’ e caffe’

Un consiglio che vi possiamo dare è quello di eliminare o almeno ridurre l’assunzione di tè e caffè, soprattutto se consumati durante i pasti o nelle loro vicinanze. Poiché al loro interno vi è un elevato contenuto di tannini, queste bevande diminuiscono l’assorbimento del ferro: il tè al 64 %, il caffè al 39%. È consigliabile sostituirle con acqua, tisane e spremute d’arancia.

  1. Frutta: mela chiodata e banana

Se consumate due o tre mele al giorno, allora siete sulla strada giusta per un rapido recupero dall’anemia, poichè sono ricche di ferro. Ma se si mangia ogni giorno una mela chiodata si apportano ancora più benefici all’organismo.

Per scoprire come si realizza una mela chiodata clicca QUI

Altro metodo di mangiare la mela è quello di estrarne il succo e mescolarlo con la stessa quantità di succo di pomodoro fresco. I pomodori sono ottime fonti di vitamine A, C e K, e sono anche una buona fonte di ferro.

È possibile, altrimenti, mangiare dopo cena una banana  matura con l’aggiunta di  un cucchiaio di miele, per fornire al vostro corpo una vasta gamma di vitamine, minerali e aminoacidi.

  1. Limitare latticini e cioccolato

tannini li ritroviamo anche nel vino e nel cioccolato, per cui facciamo attenzione. Alla larga anche dai latticini che a causa del calcio riducono l’assorbimento del ferro.  Per questo motivo è sconsigliabile unire nello stesso pasto latticini ed alimenti ricchi di ferro.

  1. Tarassaco, aneto e ortica

Il tarassaco può essere consumato come estratto fitoterapico o sotto forma di tisana, ma anche fresco, con particolare riferimento ai fiori, che possono essere gustati in insalata.

L’aneto è considerato un toccasana in caso di anemia, in particolare nel caso di un ciclo mestruale abbondante. I semi di aneto possono essere masticati, o triturati per impiegarli come condimento.

L’ortica è una pianta dalle proprietà ri-mineralizzanti, che si distingue per le sue foglie ricche di ferro. È in grado di stimolare la produzione dei globuli rossi, per via del suo contenuto di ferro e di vitamina C. Le foglie possono essere utilizzate per preparare decotti, risotti, zuppe e minestre.

  1. Barbabietola rossa

Per gli amanti della barbabietola rossa, assumere per un mese 2 bicchieri al giorno di succo, meglio se per colazione, per ripristinare i livelli dell’emoglobina.

In aggiunta ai rimedi naturali per la carenza di ferro può essere utile ricorrere alla prescrizione medica di integratori di ferro. In ogni caso è sempre opportuno eseguire indagini diagnostiche approfondite per verificare la forma specifica di anemia da sottoporre a cura.

La nostra streghetta si sta curando… e voi come vi curate?

Fatecelo sapere scrivendolo nei commenti

 

                                                           S&A

Annunci

16 pensieri su “6 rimedi naturali contro la carenza di ferro

  1. Pingback: Una mela chiodata al giorno toglie il medico di torno! | Biosa

  2. Pingback: Argilla: usi e proprietà | Biosa

  3. Pingback: Anice stellato: utilizzi e proprietà | Biosa

  4. Pingback: Cannella? Fa bene o fa male? | Biosa

  5. Pingback: Mandarino? un alleato per il nostro corpo!  | Biosa

  6. Pingback: Vaniglia…scopri oltre al profumo cosa c’è. | Biosa

  7. Pingback: Cardamomo… una spezia tutta da scoprire! | Biosa

  8. Pingback: Bella con il… Cioccolato! | Biosa

  9. Pingback: Mandorle… amiche per la pelle! | Biosa

  10. Pingback: Nocciola… alleata di bellezza! | Biosa

  11. Pingback: Pistacchio… alleato del cuore! | Biosa

  12. Pingback: Bella naturalmente… con il peperoncino! | Biosa

  13. Pingback: Liquirizia… la radice dalle mille proprietà | Biosa

  14. Pingback: Carciofo… un ortaggio prezioso! | Biosa

  15. Pingback: Arance… un frutto tutto da scoprire! | Biosa

  16. Pingback: Prugne secche… Ingrediente di bellezza! | Biosa

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...